Rigenerazione urbana

Regione Lombardia ha emanato la L.R. n. 18 del 26/11/2019 per le “Misure di semplificazione e incentivazione per la rigenerazione urbana e territoriale, nonché per il recupero del patrimonio edilizio esistente”. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 (Legge per il governo del territorio) e ad altre leggi regionali” (BURL n. 48, suppl. del 29 Novembre 2019).

In allegato la legge completa.

A questo link le informazioni utili sulla legge di Rigenerazione urbana

AZIONI PARTECIPATIVE – segnalazioni entro il 14 agosto

I Comuni sono chiamati a individuare anche tramite azioni partecipative da parte della comunità e degli operatori privati interessati alla realizzazione di interventi di rigenerazione urbana, gli immobili e ambiti interessati dal recupero del patrimonio edilizio esistente sulla base di segnalazioni motivate e documentate.

Il Comune di Fagnano Olona invitatutti i soggetti potenzialmente interessati (cittadinanza, operatori economici, rappresentanti di associazioni, ecc.) a segnalare all’ amministrazione comunale:

1) Potenziali e possibili ambiti di rigenerazione urbana, per i quali il Comune possa valutare la previsione di azioni di semplificazione dei procedimenti e di incentivazione anche economica, usi temporanei e sviluppo di studi di fattibilità economica e urbanistica (rif. l.r. 12/05, art. 8 bis, c. 1 –l.r. 18/19, art. 3, c. 1, lett. k);

2) Immobili dismessi da oltre 5 anni aventi qualsiasi destinazione d’uso che causano particolari criticità per salute, sicurezza idraulica e strutturale, inquinamento, degrado ambientale e urbanistico-edilizio (rif. l.r. 12/05, art. 40 bis, c.1. –l.r. 18/19, art. 4, c. 1 lett. a);

3) Edifici a carattere rurale abbandonati da almeno 3 anni oggetto di possibile recupero, così come previsto dall’art. 4 comma 1 lett. a, della L.R. n. 18/2019;

Le segnalazioni, debitamente documentate, dovranno pervenire entro e non oltre giorni 30 dalla pubblicazione del presente avviso all’Albo Pretorio (scadenza 14.08.2020) al Protocollo Generale del Comune. 

In allegato, nell’avviso, tutte le info utili. In allegato anche il modulo per la presentazione della proposta partecipativa.

PROROGA DEI TERMINI PER  ADEMPIMENTI COMUNALI

La legge, entrata in vigore lo scorso 14 dicembre, tra le varie novità introdotte alla l.r. n. 12 del 2005 e ad altre leggi regionali, ha disposto alcuni adempimenti sia per i Comuni che per Regione Lombardia, dettandone disciplina e tempi.

In particolare, questa legge prevede che i Comuni individuino attraverso delibera di Consiglio comunale ed entro sei mesi dalla approvazione della legge o della sua entrata in vigore, gli ambiti della rigenerazione, gli edifici ad elevata criticità e, per i comuni sotto i 20.000 abitanti, le aree ove escludere l’applicazione delle deroghe e degli incentivi per il recupero dei medesimi edifici, oltre che gli ambiti di esclusione dall’applicazione della disciplina per il recupero dei piani terra.

In conseguenza dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19, il Consiglio regionale ha disposto, con l’approvazione della l.r. n. 4 del 2020, il differimento dei termini stabiliti da leggi e regolamenti regionali, incidendo anche sugli adempimenti comunali descritti.

Gli adempimenti coinvolti da tale differimento e le nuove scadenze sono descritti nella circolare regionale n. 5 del 12 maggio 2020, pubblicata sul BURL n. 20, Serie Ordinaria, del 14 maggio 2020 (allegato)