[11/9/2015] – L´ELISIR D´AMORE

Luogo: tra gli scaffali abbandonati e le cartellette impolverate che portano la scritta “Cartiera alto milanese”.
Tempo: settembre, domenica pomeriggio, i cancelli si aprono.
Come: Gli artisti arrivano alla spicciolata, silenziosi si appropriano degli spazi e cominciano a preparare i loro strumenti, il corpo, la voce, la musica. Le voci delle persone risuonano e rimbalzano sui muri. Tra i vecchi pilastri bancali di legno che accolgono gli spettatori incuriositi, affascinati. Il silenzio lascia spazio alla voce, la musica alle forme che prendono vita in movimenti essenziali, corpi che tracciano linee e gesti dando nuova vita alle superfici sconnesse e impolverate.
Poi torna il silenzio e comincia l’Opera, il «melodramma giocoso».

ALLEGATI
elisir d’amore (1).pdf